Articoli

Era il 1992

20.01.2019

Uscivo dalla scuola con il diploma di Ragioniere, ovviamente, oggi a distanza di molti anni non resta quasi nulla dell'esperienza scolastica, che nel mio programma non è mai entrata.

In modo che un progetto non sia " cancellato " , con suono, immagine, abbiamo realizzato, in sua conclusione una " comunicazione.

Qui trovi la legge e la gente della Provincia di Brindisi. Scriviamo di un sogno che potrebbe riguardarti, fare Minibasket tra loro, con loro, un panorama ricco di Istruttori, una metodologia precisa, che non è la Filastrocca del Minibasket. Il territorio in questo caso sarebbe un analisi di tipo sociologico, poi il contesto generale, delle risorse...

Il progetto ha avuto un " restyling ", nel senso di " rivisitazione ", non è stato stravolto, seppure va tolta la parte usata per studiare, che non mi riguarda, non essendo mia intenzione in Italia di riconoscere insegnamenti.

Il PROGRAMMA COMPLETO " RUN FOR MINIBASKET "

A ME PIACE L'ATTIVITA' MOTORIA.

La mia scelta è stata " creazione e sviluppo motorio, tutti hanno il loro progetto motorio, quando sono uscito per seguire negli sport di squadra gruppi femminili, oppure maschili, in sport come pallacanestro o calcio, mischiandomi con gli adulti, mi è mancata l'attività motoria di base

MOTOR ACTIVITY.

My choice was "creation and motor development"; everyone has their motor project. When they I have followed men or women team sports, sports such as basketball or football, staying with adults, I have lacked basic motor activity.

Che in Vietnam può diventare ( più o meno )

Hoạt động motor Lựa chọn của tôi là "sáng tạo và phát triển motor ". Mỗi người đều có những dự án motor cho riêng mình. Khi họ tham gia những bộ môn thể thao như bóng đá, bóng rổ với những người lớn, tôi đã thiếu đi hoạt động motor căn bản.

The program "La Filastrocca Del Minibasket.

"We should often remember that even the United Nations recognized for children "the right to rest and leisure, to engage in play and recreational activities that are typical of their age and the right to participate freely to cultural and artistic life ". Many of them should be involved in the idea of ​​participating in a Summer Camping. It should not be a surprise for them to spend the summer playing since, already in the Middle Age, "Early Summer Games" were practiced, even if they did not follow any kind of regulation. Today the summer camps are used to discover archaeological sites but also sport. Let them play a game: Minibasket. Minibasket is for children between 5 and 11 years, whether they are creative, introverted, extrovert, weak, tenacious, male or female. They will have to face physical, technical and tactical maturation. Who is the student? The child who chooses to practice Minibasket on his purpose. We must therefore take care of the children's dream and their emotions but we can not work by considering our experience only, we must avoid the mistake of creating an inadequate context too. The Instructor should not be a sad teacher but someone who can stimulate the knowledge of Biddy Basketball. He must know how to distinguish the emotions of the child from those of the adults, accepting a role, in which we must be ready to question ourselves.

What to teach and what is important to learn?

- a motor learning - forming the personality - motivate in school learning

Learning means to develop:

- Affective Area

- Body Area

- Social Area

- Cognitive area

How to carry out our intervention.

Trying to create collaboration with institutions, first of all the school, which, together with the companies sports, can ensure that you do not give space to the investment of "so much money", even if we need it, and give the possibility of educating and training.

It would be appropriate to find a leader, perhaps a professional in motor activity, a graduate in physical education, but also young collaborators who want to share solidarity, friendship and passion (we have an interest together).

We try to enhance what the child has lived, to make his desire for movement also

possibility to play and communicate.

It should be remembered that it is with the daily practice that we can verify and improve what the children already learn during winter, both in the classroom and in the gym.

MOTOR ACTIVITY.

My choice was "creation and motor development"; everyone has their motor project. When they I have followed men or women team sports, sports such as basketball or football, staying with adults, I have lacked basic motor activity

Impariamo dai bambini.

Entrando in palestra la prima cosa che mi viene in mente e di controllare il mio gruppo. Quanti sono, hanno una faccia annoiata, sono nervosi e cosi via.

Non basta avere preparato su un foglio un programma di allenamento ( è bene farlo ) bisogna anche adattarlo allo ambiente che in quella giornata c 'è in palestra.

IL BAMBINO DEVE ESSERE AL CENTRO DEL GIOCO non subirlo passivamente.

Il nostro compito, come quello di chiunque svolge qualsiasi attività educativa, non è facile ecco perché nella parte iniziale cercherò di mettere in evidenza l 'aspetto psicologico del rapporto bambino - istruttore.

Un istruttore è stato bambino o meglio continua ad esserlo.

Lo sviluppo delle capacità motorie e senza dubbio collegato alla maturazione del sistema nervoso.

Lo sviluppo psicomotorio procede dalla testa in giù; il bambino impara a controllare per primi i muscoli delle labbra, poi i muscoli oculari, del collo, delle spalle, del tronco, delle gambe e infine dei piedi.

È un esploratore scopre i propri movimenti relazionandosi con gli altri

Il giocosport minibasket deve tenere presente lo sviluppo e le tappe della crescita di ogni bambino.

Iniziamo ad avere a che fare con bambini che non sanno leggere e scrivere e gli lasciamo ormai padroni ( si spera ) di leggere e scrivere correttamente.

Testo numero 2

EDUCAZIONE MOTORIA.

L'adulto deve educare il bambino e quindi deve prendersi delle responsabilità. La lezione di minibasket sbagliata produce danni e tensioni. Il bambino o idolatra l'istruttore o si mette in contrasto e non lo considera più.

L'educazione motoria è quel complesso di azioni e di occasioni intenzionalmente programmate e realizzate ( niente improvvisazione ) per consentire a tutti di conseguire il proprio massimo sviluppo.

Il soggetto della educazione motoria è il bambino considerato nella sua unicità, irreperibilità, totalità.

Si realizza attraverso degli interventi scientificamente fondati che guidino ed orientino senza modellare e condizionare e che siano guidati dalla programmazione educativo- didattica e strutturati secondo obiettivi, mezzi, contenuti, metodi,fasi di verifica e valutazione.

testo numero 3

I nostri motivi

Nello sport rimangono i posti dove andare, dove incontrare le star, gli atleti, dove scrivere il proprio pensiero. Questi insegnano, i top player, s'intende, che non sempre arrivano messaggi di incoraggiamento e di stima, ci sono moltecritiche, non parliamo se non si segna, oppure nel caso dei portieri, nel calcio, si prendono goal.

Ogni buona formazione sa che si deve effettuare un " confronto " tra il modello dell'Istruttore e quello dell'allievo, qui leggete il mio, alla prese con comportamenti che rallentano la legittima e formale ispirazione teorica di partenza, quindi poivedremo dove siamo arrivati, con questo confronto.

Noi cosa possiamo fare ?

Lavorare bene sulle capacità motorie, si dice sempre, oppure sui fondamentali, dobbiamo solo accogliere l'invito di Arthur Ashe e cioè " I campioni sono quelli che vogliono lasciare il loro sport in condizioni migliori rispetto a quando hannoiniziato a praticarlo ".

Nous apprenons des enfants.

Quand je rentre dans la salle de sport, la première chose qui me vient à l'esprit est de contrôler mon groupe, de voir combien ils sont, s'ils semblent ennuyés, s'ils sont nerveux etc...

Cela ne suffit pas de préparer sur une feuille le programme de la session d'entraînement (c'est bien de le faire) il faut aussi l'adapter à l'ambiance qu'il y a ce jour-là dans la salle de sport.

L'ENFANT DOIT SE TROUVER AU CŒUR DU JEU et ne pas le subir passivement.

Notre tâche, comme tous ceux qui mènent tous types d'activités éducatives, n'est pas simple. C'est pourquoi, dans un premier temps, je cherche à mettre en évidence l'aspect psychologique du rapport enfant/instructeur.

Un instructeur a été un enfant ou mieux, continue de l'être.

Le développement des capacités motrices est sans aucun doute lié à la maturation du système nerveux.

Le développement psychomoteur va de la tête aux pieds; l'enfant apprend à contrôler d'abord les muscles des lèvres, puis les muscles oculaires, les muscles du cou, des épaules, du tronc, des jambes et enfin des pieds.

C'est un explorateur qui découvre ses propres mouvements à travers ses relations avec les autres.

Le jeu/sport minibasklet doit tenir compte du développement et des étapes de croissance de l'enfant.

Nous commençons par avoir affaire à des enfants qui ne savent pas lire ni écrire et nous les quittons lorsqu'ils savent désormais (on espère) lire et écrire correctement.

EDUCATION MOTRICE

L'adulte doit éduquer l'enfant et doit donc prendre ses responsabilités. Une mauvaise leçon de minibasket produit des dégâts et des tensions. Soit l'enfant idolâtre son instructeur, soit il se met contre lui soit il l'ignore.

L'éducation motrice est l'ensemble complexe d'actions et d'occasions intentionnellement programmées et réalisées (pas d'improvisation) pour permettre à tous d'atteindre le maximum de son propre développement.

Le sujet de l'éducation motrice est l'enfant considéré dans toute son unicité, sa complexité et sa totalité.

Elle se réalise à travers des interventions scientifiquement fondées qui guident et orientent sans façonner et conditionner et qui sont guidées par une programmation éducative, didactique, et structurées selon des objectifs, des moyens, des contenus, des méthodes, des sessions de contrôle et d'évaluation.

Texte numéro 3

Nos raisons

Dans le sport il y a les endroits où aller, où rencontrer les stars, les athlètes, où transmettre sa philosophie. Ces derniers, c'est-à-dire les grands joueurs, nous enseignent qu'il ne leur arrive pas toujours des messages d'encouragements et d'estime. Il y a en effet beaucoup de critiques. N'en parlons pas si le joueur ne marque pas, dans le cas du football, ou bien si le gardien de but prend des buts.

Dans chaque bonne formation on sait qu'il faut faire une "confrontation" entre le modèle de l'instructeur et celui de l'élève, ici vous lisez mon modèle, aux prises avec les comportements qui ralentissent l'inspiration théorique initiale, légitime et formel. Nous verrons donc ensuite où nous serons arrivés, avec cette confrontation.

Nous, que pouvons-nous faire ?

Bien travailler sur les capacités motrices comme on dit souvent, ou bien sur les fondamentaux, nous devons seulement écouter et mettre en pratique les mots de Arthur Ashe, c'est-à-dire que "les champions sont ceux qui veulent laisser leur sport dans de meilleures conditions par rapport à quand ils ont commencé à le pratiquer".

KEY WORDS FOR HEALHTY BODY

I'm very fit

I visit the doctor regulary

I take a good care

Eat a balanced diet

Fresh fruit and vegetables

Everything in moderation

I do responsible amount if exercise well

I have lovely life

Nice Pension

( Fonte : Cambridge English Complete First )