Risultati finali : Le valutazioni della Filastrocca

03.01.2019

Nel 2007 nasce un progetto completamente nuovo, il tema del Minibasket si ripete, vedendo i bambini giocare, stando tra gli addetti ai lavori, l'obiettivo è di fare crescere il bambino come giocatore. Guardando il bambino si comprende che giocando con la palla s'instaura un clima di amicizia.

L'Educatore deve ovviamente comprendere il significato formativo che può avere ciascuna caratteristica di un dato gioco. " Il maggiore ostacolo per il piacere del gioco è la forza dell'abitudine. Le vecchie abitudini sono comode perché permettono di non pensare a cosa si sta facendo in quel momento " ( H. Wein )

Una collaborazione fattibile.

Dalla società sportiva passiamo noi istruttori minibasket, educatori, esperti di sport in genere. La realizzazione di un progetto passa per quello che oggi si chiama " format ", il mio è quello raccolto a Treviso nel 2002, durante un corso per dirigenti Minibasket della FIP. Presentare un sito web che si propone di sperimentare, tramite l'uso del materiale di studio riguardante lo sport, la ricerca della fattibilità di iniziative che siano nella programmazione dei vari curriculum di un istruttore sportivo. E' la scrittura del chi siamo, del cosa facciamo, inteso del fare a pochi soldi, a poco prezzo, in un ambiente sociale in continua trasformazione, i problemi dei nostri rapporti con i bambini arrivano a dovere sacrificare visioni personali 

Sport e volontariato

Giuseppe Di Summa è un istruttore sportivo, si occupa di Minibasket, quindi di bambini, seppure si è sensibilizzato allo sport con una serie di corsi in psicologia dello sport. Per completare il suo percorso formativo nella materia ha seguito corsi per operatore socio-educativo, operatore di sostengo per disabili, cittadino online, che hanno creato un rapporto tra formazione ed aggiornamento.

Nello sport viaggia dalla Prima Divisione alla Serie C, in diverse realtà della Provincia di Brindisi, passando da esperto a disposizione a corsi di avviamento al Minibasket, a Dirigente, Istruttore Minibasket Regionale, sino ad essere Istruttore Responsabile di Centro Minibasket. Si segnala all'attenzione del movimento per il Progetto Sport e Genitori e per la lezione Le nostre risorse i fondamentali ed il gioco, che contribuiscono dal 2004 al 2007 a creare il programma, disponibile online, dal nome La filastrocca del Minibasket, che segna un passaggio della programmazione di un centro per capire il mondo del bambino.

Per sottolineare l'impegno senza " compensi economici " nello sport, accetto da tre anni di guidare un gruppo amatoriale di sportivi, praticanti Basket, nel Campionato CSI, della Provincia di Brindisi, all'attivo anche una partecipazione alle fasi regionali.

I  momenti che ............

Quando dal 2008 riprendo le lezioni il punto da superare, per la scarsa frequenza, è proprio la lezione in cui siamo impreparati, la popolazione giovanile, lo svolgimento della sua attività, sottolineando la prestazione peggiore.

L'obiettivo per il 2016 è : Esercizi da adattare alla frequenza, concedere riposo, l'input del gioco, raggiungere un espressione del gioco soddisfacente, comprendere come giocare, per giocare meglio.

Nello sport rimangono i posti dove andare, dove incontrare le star, gli atleti, dove scrivere il proprio pensiero. Questi insegnano, i top player, s'intende, che non sempre arrivano messaggi di incoraggiamento e di stima, ci sono molte critiche, non parliamo se non si segna, oppure nel caso dei portieri, nel calcio, si prendono goal.

E' chiaro che nell'impegno della stagione sportiva 2016-2017 non rientra la scrittura, comunque, in apertura arriva una breve riflessione. Sia altrettanto chiaro come sia importante " proteggere il sito web ", i suoi argomenti, nel corso della stagione.

Un' allenatore, è un'identità quella del coach che ancora possiamo trattare, deve sapere operare comprendendo una serie di caratteristiche, ad esempio, si mette in evidenza dal punto di vista tecnico come ricevere un buon passaggio, come sapere andare a canestro in modo veloce.

Una " prestazione motoria ", è utile anche ai nostri compagni, aiuta, a tirare meglio, a passare meglio, qui c'è una riflessione sulla metodologia.

Una staffetta in palleggio, infatti, non basta, ci vuole disponibilità alla prestazione, un testo, come un test, un esercizio, ha bisogno di spiegazioni. Obiettivo alfabetizzare i bambini dal punto di vista motorio e sportivo.

I benefici dell'esercizio fisico, fanno in modo, che si arrivi a criticare i corsi, la loro struttura. Se dobbiamo usare una staffetta per palleggiare, dobbiamo sapere anche passare, palleggiare, tirare, non dimenticando che ci sono i giochi con i cerchi, quelli con la palla, nel nostro " background ". Le questioni escono fuori in base alle relazioni che vi sono con l'Istruttore. Un identità personale, non istituzionale, può permettervi di accompagnarvi in un sito, facendo una lista di argomenti, ci si deve anche guadagnare, con il rispetto ambienti in cui vivere, che non sono online. Tanti giovani soffrono, per concludere, delle limitazioni regolamentari, se devo citare un modo di giocare molto bello, mi rifaccio alla pallavolo, dove i giocatori usano la voce uno con l'altro, caricandosi, dicendosi " mia ", " tua.

Come fare un buon giocatore.

Oggi ci sono molti " talent scout ", non sono il percorso del giocatore passa per i primi dolori, le grandi e piccole delusioni, spesso i talenti vanno in prestito, iniziano a confrontarsi da subito con i calciatori stranieri. Il vivaio, il settore giovanile, passa per il rapporto con i genitori, le collaborazioni con le scuole, la formazione degli istruttori, che poi spesso sono anche tecnici di categorie ove giocano gli adulti. Oggi non basta solo il fisico, si chiede, come negli anni passati, anche di conoscere la tecnica. Si ricordi che nella vita non tutti ottengono un contratto professionista, chi gioca a calcio, amatoriale, soprattutto, di primo lavoro non farà il calciatore, il cestista, il tennista, farà l'idraulico, il ragioniere. Spesso si è chiamati a dare un aiuto, nel caso del giovane atleta, sul rendimento scolastico, si ha il problema di inserire i nuovi arrivati, poi oggi non si può ragionare solo al maschile, nello sport deve avere spazio la donna.

" Creazione e sviluppo motorio "

Dalle definizioni, che sono il contenuto delle lezioni, si passa alle parole spesso invisibili, per rispondere alla maggiore curiosità di chi vede una lezione, cioè sapere perchè l'essere Istruttore è oppure non è, naturalmente nel mio caso, un lavoro.

Creazione e sviluppo motorio vuol dire fare da sponsor alla risoluzione delle " carenze del movimento ", tutti sappiamo che fare attività fisica, tenersi attivi, allunga la vita. Non voglio prendermi " troppa confidenza " con il termine, non è roba da parlare, leggere e scrivere per cantarci sopra una canzone. Lo sport è anche farsi dei compagni di squadra, di gioco, sappiamo tutti che dopo i 25 anni farsi amici diventa più difficile, anche nello sport quindi si perdono i compagni, come si perdono i compagni di scuola. Da grandi si è capaci di partecipare a Tornei e competizioni, a dire il vero io non ho questa grande esperienza, non ricevo molti inviti.

Lo sport nei " media ", non è stato per me un " contatto zero ", anzi dallo slogan " scusate il disturbo stiamo lavorando per voi ", legato ad un corso di formazione, sono giunto a un termine classico inglese " to be in touch for passion of game ", entrare quindi in contatto per la passione per il gioco, è stato bello vedere nei luoghi dello sport come si arriva a questo contatto.